27
March
2017

Counseling relazionale e leadership del benessere

Sabato 29 e Domenica 30 aprile 2017 - Docente: Andrea Boni

Il sapere olistico dell'India classica fornisce principi che possono essere calati efficacemente nel contesto operativo di qualsiasi ambito relazionale del terzo millennio, perché la sua piattaforma base è costituita delle migliori conoscenze, strategie, tecniche e pratiche che consentono lo sviluppo armonico della persona e quindi prosperità nella vita. La figura del leader autentico coincide con quella di colui che opera con obiettivi realisti e ispirati a un orizzonte di senso superiore e pertanto vincente. Si tratta di un processo in cui per raggiungere il graduale cambiamento è fondamentale il ruolo della volontà che, se ispirato da valori elevati, consente di portare progressivamente il soggetto agli obiettivi prefissati e contestualmente permette l'armonizzazione delle sue dinamiche interiori, guidandolo verso una vera realizzazione delle sue enormi potenzialità latenti. Lo Yoga, nella sua accezione autentica di millenaria memoria, è la base di tale cambiamento e il filo conduttore di tutte le azioni nel teatro della vita del leader. Per il vero leader il successo non è mai fine a se stesso, ma conseguenza del suo progetto di sé. In tal senso, il leader autentico necessita di possedere conoscenze e metodi che favoriscano concretamente ed efficacemente il raggiungimento armonico del successo interiore ed esteriore, l’integrazione della sua coscienza, la conciliazione degli opposti, l’armonizzazione degli elementi inconsci con l’io ed il sé, fino a costituire un rapporto integrato e proficuo, in quanto completamente appagante, tra sentimento e pensiero, intuizione e ragione, profonde istanze inconsce e razionalità operativa, fino all’esperienza concreta e totalizzante del rapporto con piani superiori di realtà.

In questo seminario verranno trattati i seguenti temi:

  1. gli ostacoli che deve affrontare un leader nel suo percorso personale e professionale e quindi gli strumenti in mano al Counselor per poter intraprendere con efficacia un intervento di aiuto in questo contesto.
  2. come imparare ad ascoltare emozioni e bisogni di sé e del proprio interlocutore; il leader è colui che è capace di relazionarsi efficacemente con qualsiasi tipologia comportamentale, perché è capace di coglierne i bisogni ed i talenti e quindi valorizzare le risorse esplicitate o latenti
  3. esercitazioni in role-playing per prendere consapevolezza delle basi relazionali e quindi le aree di miglioramento per una comunicazione ed una relazionalità efficace.

Luogo: Emilia

27
March
2017

Counseling relazionale e leadership del benessere

Sabato 8 e Domenica 9 aprile 2017 - Docente: Andrea Boni, Tanya Zakharova, Daniele Tozzi

Il sapere olistico dell'India classica fornisce principi che possono essere calati efficacemente nel contesto operativo di qualsiasi ambito relazionale del terzo millennio, perché la sua piattaforma base è costituita delle migliori conoscenze, strategie, tecniche e pratiche che consentono lo sviluppo armonico della persona e quindi prosperità nella vita. La figura del leader autentico coincide con quella di colui che opera con obiettivi realisti e ispirati a un orizzonte di senso superiore e pertanto vincente. Si tratta di un processo in cui per raggiungere il graduale cambiamento è fondamentale il ruolo della volontà che, se ispirato da valori elevati, consente di portare progressivamente il soggetto agli obiettivi prefissati e contestualmente permette l'armonizzazione delle sue dinamiche interiori, guidandolo verso una vera realizzazione delle sue enormi potenzialità latenti. Lo Yoga, nella sua accezione autentica di millenaria memoria, è la base di tale cambiamento e il filo conduttore di tutte le azioni nel teatro della vita del leader. Per il vero leader il successo non è mai fine a se stesso, ma conseguenza del suo progetto di sé. In tal senso, il leader autentico necessita di possedere conoscenze e metodi che favoriscano concretamente ed efficacemente il raggiungimento armonico del successo interiore ed esteriore, l’integrazione della sua coscienza, la conciliazione degli opposti, l’armonizzazione degli elementi inconsci con l’io ed il sé, fino a costituire un rapporto integrato e proficuo, in quanto completamente appagante, tra sentimento e pensiero, intuizione e ragione, profonde istanze inconsce e razionalità operativa, fino all’esperienza concreta e totalizzante del rapporto con piani superiori di realtà.

In questo seminario verranno trattati i seguenti temi:

  1. gli ostacoli che deve affrontare un leader nel suo percorso personale e professionale e quindi gli strumenti in mano al Counselor per poter intraprendere con efficacia un intervento di aiuto in questo contesto.
  2. come imparare ad ascoltare emozioni e bisogni di sé e del proprio interlocutore; il leader è colui che è capace di relazionarsi efficacemente con qualsiasi tipologia comportamentale, perché è capace di coglierne i bisogni ed i talenti e quindi valorizzare le risorse esplicitate o latenti
  3. esercitazioni in role-playing per prendere consapevolezza delle basi relazionali e quindi le aree di miglioramento per una comunicazione ed una relazionalità efficace.

Luogo: Toscana

27
March
2017

Counseling relazionale e leadership del benessere

Sabato 22 e Domenica 23 aprile 2017 - Docente: Andrea Boni, Daniela Scuderi

Il sapere olistico dell'India classica fornisce principi che possono essere calati efficacemente nel contesto operativo di qualsiasi ambito relazionale del terzo millennio, perché la sua piattaforma base è costituita delle migliori conoscenze, strategie, tecniche e pratiche che consentono lo sviluppo armonico della persona e quindi prosperità nella vita. La figura del leader autentico coincide con quella di colui che opera con obiettivi realisti e ispirati a un orizzonte di senso superiore e pertanto vincente. Si tratta di un processo in cui per raggiungere il graduale cambiamento è fondamentale il ruolo della volontà che, se ispirato da valori elevati, consente di portare progressivamente il soggetto agli obiettivi prefissati e contestualmente permette l'armonizzazione delle sue dinamiche interiori, guidandolo verso una vera realizzazione delle sue enormi potenzialità latenti. Lo Yoga, nella sua accezione autentica di millenaria memoria, è la base di tale cambiamento e il filo conduttore di tutte le azioni nel teatro della vita del leader. Per il vero leader il successo non è mai fine a se stesso, ma conseguenza del suo progetto di sé. In tal senso, il leader autentico necessita di possedere conoscenze e metodi che favoriscano concretamente ed efficacemente il raggiungimento armonico del successo interiore ed esteriore, l’integrazione della sua coscienza, la conciliazione degli opposti, l’armonizzazione degli elementi inconsci con l’io ed il sé, fino a costituire un rapporto integrato e proficuo, in quanto completamente appagante, tra sentimento e pensiero, intuizione e ragione, profonde istanze inconsce e razionalità operativa, fino all’esperienza concreta e totalizzante del rapporto con piani superiori di realtà.

In questo seminario verranno trattati i seguenti temi:

  1. gli ostacoli che deve affrontare un leader nel suo percorso personale e professionale e quindi gli strumenti in mano al Counselor per poter intraprendere con efficacia un intervento di aiuto in questo contesto.
  2. come imparare ad ascoltare emozioni e bisogni di sé e del proprio interlocutore; il leader è colui che è capace di relazionarsi efficacemente con qualsiasi tipologia comportamentale, perché è capace di coglierne i bisogni ed i talenti e quindi valorizzare le risorse esplicitate o latenti
  3. esercitazioni in role-playing per prendere consapevolezza delle basi relazionali e quindi le aree di miglioramento per una comunicazione ed una relazionalità efficace.

Luogo: Lombardia

27
March
2017

Counseling relazionale e leadership del benessere

Sabato 1 e Domenica 2 aprile 2017 - Docenti: Andrea Boni, Fabio Manfredi

Il sapere olistico dell'India classica fornisce principi che possono essere calati efficacemente nel contesto operativo di qualsiasi ambito relazionale del terzo millennio, perché la sua piattaforma base è costituita delle migliori conoscenze, strategie, tecniche e pratiche che consentono lo sviluppo armonico della persona e quindi prosperità nella vita. La figura del leader autentico coincide con quella di colui che opera con obiettivi realisti e ispirati a un orizzonte di senso superiore e pertanto vincente. Si tratta di un processo in cui per raggiungere il graduale cambiamento è fondamentale il ruolo della volontà che, se ispirato da valori elevati, consente di portare progressivamente il soggetto agli obiettivi prefissati e contestualmente permette l'armonizzazione delle sue dinamiche interiori, guidandolo verso una vera realizzazione delle sue enormi potenzialità latenti. Lo Yoga, nella sua accezione autentica di millenaria memoria, è la base di tale cambiamento e il filo conduttore di tutte le azioni nel teatro della vita del leader. Per il vero leader il successo non è mai fine a se stesso, ma conseguenza del suo progetto di sé. In tal senso, il leader autentico necessita di possedere conoscenze e metodi che favoriscano concretamente ed efficacemente il raggiungimento armonico del successo interiore ed esteriore, l’integrazione della sua coscienza, la conciliazione degli opposti, l’armonizzazione degli elementi inconsci con l’io ed il sé, fino a costituire un rapporto integrato e proficuo, in quanto completamente appagante, tra sentimento e pensiero, intuizione e ragione, profonde istanze inconsce e razionalità operativa, fino all’esperienza concreta e totalizzante del rapporto con piani superiori di realtà.

In questo seminario verranno trattati i seguenti temi:

  1. gli ostacoli che deve affrontare un leader nel suo percorso personale e professionale e quindi gli strumenti in mano al Counselor per poter intraprendere con efficacia un intervento di aiuto in questo contesto.
  2. come imparare ad ascoltare emozioni e bisogni di sé e del proprio interlocutore; il leader è colui che è capace di relazionarsi efficacemente con qualsiasi tipologia comportamentale, perché è capace di coglierne i bisogni ed i talenti e quindi valorizzare le risorse esplicitate o latenti
  3. esercitazioni in role-playing per prendere consapevolezza delle basi relazionali e quindi le aree di miglioramento per una comunicazione ed una relazionalità efficace.

 

Luogo: Veneto

27
February
2017

Aspetti avanzati di Colloquio di Counseling Relazionale II

Sabato 4 e Domenica 5 marzo 2017 - Docente: Andrea Boni

Il Colloquio di Counseling relazionale, con approccio Bhaktivedanta, richiede presenza, centratura, ascolto attivo, capacità di rimanere in osservazione per favorire nel cliente una ottimale elaborazione dei contenuti e il proprio corretto posizionarsi in merito alle sue relazioni e modalità comunicative. In questo senso, è molto importante acquisire competenze diversificate nell'ambito della consapevolezza di sé, del colloquio e della capacità di accompagnare il cliente con empatia e presenza. L'empatia non deve sfociare in una pericolosa risonanza, e l'accompagnamento dovrebbe sempre essere impostato nell'ottica di favorire l'avvio di un cambiamento, da creare insieme. Counselor e cliente creano il cambiamento, insieme, in una danza empatica verso la consapevolezza.

In questo seminario saranno condivisi gli aspetti più avanzati del colloquio di counseling, con l'obiettivo di favorire quanto sopra analizzando gli aspetti di maggiore criticità che possono verificarsi in un incontro.

Esercizi specifici di Laboratorio consentiranno la messa in pratica dei contenuti teorici attraverso simulazioni, condivisioni, role playing.

Luogo: Emilia

27
February
2017

Aspetti avanzati di Colloquio di Counseling Relazionale II

Sabato 18 e Domenica 19 marzo 2017 - Docente: Andrea Boni, Tanya Zakharova

Il Colloquio di Counseling relazionale, con approccio Bhaktivedanta, richiede presenza, centratura, ascolto attivo, capacità di rimanere in osservazione per favorire nel cliente una ottimale elaborazione dei contenuti e il proprio corretto posizionarsi in merito alle sue relazioni e modalità comunicative. In questo senso, è molto importante acquisire competenze diversificate nell'ambito della consapevolezza di sé, del colloquio e della capacità di accompagnare il cliente con empatia e presenza. L'empatia non deve sfociare in una pericolosa risonanza, e l'accompagnamento dovrebbe sempre essere impostato nell'ottica di favorire l'avvio di un cambiamento, da creare insieme. Counselor e cliente creano il cambiamento, insieme, in una danza empatica verso la consapevolezza.

In questo seminario saranno condivisi gli aspetti più avanzati del colloquio di counseling, con l'obiettivo di favorire quanto sopra analizzando gli aspetti di maggiore criticità che possono verificarsi in un incontro.

Esercizi specifici di Laboratorio consentiranno la messa in pratica dei contenuti teorici attraverso simulazioni, condivisioni, role playing.

Luogo: Toscana